PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Province | Viterbo | Viterbo: la scuola incontra la solidarietà,Un quaderno di proposte per costituire un'opportunità per tutti di avvicinarsi al volontariato  
  • Viterbo: la scuola incontra la solidarietà,Un quaderno di proposte per costituire un'opportunità per tutti di avvicinarsi al volontariato
    Un quaderno di proposte per costituire un'opportunità per tutti di avvicinarsi al volontariato. Questo lo scopo di 'Cambiando registro' l'opuscolo realizzato da Cesv-Spes e Ufficio scolastico provinciale di Viterbo per far avvicinare gli studenti al mondo del volontariato.


     Un quaderno di proposte per costituire un'opportunità per tutti di avvicinarsi al volontariato. Questo lo scopo di 'Cambiando registro' l'opuscolo realizzato da Cesv-Spes e Ufficio scolastico provinciale di Viterbo per far avvicinare gli studenti al mondo del volontariato. 'Cambiando registro' e l'intero progetto di solidarietà, è stato presentato a Palazzo Gentili dall'assessore alle Politiche sociali Giuseppe Picchiarelli, da Clelia Maio referente dell'Ufficio scolastico provinciale e della Consulta studentesca e da Chiara De Carolis e Massimiliano Venturi del Cesv-Spes.
    All'interno dell'opuscolo presentato a studenti e docenti è possibile trovare schede progettuali e tutte le associazioni di volontariato presenti sul territorio. L'iniziativa si inserisce all'interno del secondo meeting Terra solidale 2009. "A questa iniziativa - dice l'assessore Picchiarelli - ho aderito in maniera convinta perché credo fortemente al messaggio che Cesv-Spes vogliono lanciare ovvero che quella di Tuscia è una terra davvero solidale, in cui nessuno debba sentirsi, diverso solo, escluso. E la scuola, come oggi stiamo vedendo, è nel pieno di questo progetto. Perché non può essere solamente quel luogo dove vengono trasmesse competenze e conoscenze ma prima di ogni altra cosa un luogo dove si costruiscono le coscienze critiche,una vera e propria agenzia educativa. Donare un po' del proprio tempo libero per aiutare e migliorare la società di domani - rimarca Picchiarelli - è un atto di responsabilità che darà forza a quell'idea di mondo che vogliamo, dove l'altro, diverso da noi non significherà più peggiore".
    "Invito tutti i ragazzi presenti e le scuole - ha affermato - a partecipare all'iniziativa di venerdì 8 ottobre a San Martino dove Giovanni Impastato, fratello di Peppino ragazzo ucciso dalla mafia presenterà il libro. Sarà sicuramente un momento importante significativo ed educativo perché da lì è passato un messaggio fondamentale che di fronte ai soprusi, alle ingiustizie, al perverso rapporto fra criminalità organizzata e politica non dobbiamo far finta di non vedere, ma dobbiamo indignarci".



    Fonte: Ufficio Stampa Regione Lazio

In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi