PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Province | Frosinone | Frosinone: Istituito il Consigliere aggiunto per la Consulta degli Stranieri   
  • Frosinone: Istituito il Consigliere aggiunto per la Consulta degli Stranieri
    E' stata approvata dal Consiglio comunale del capoluotgo ciociaro la proposta per l'Istituzione e il Regolamento del Consigliere Aggiunto e della Consulta degli Stranieri.


    E' stata approvata dal Consiglio comunale del capoluotgo ciociarao la proposta per l'Istituzione e il Regolamento del Consigliere Aggiunto e della Consulta degli Stranieri.
    Tanta la soddisfazione della Commissione ai Servizi Sociali sia da parte dei Consiglieri di maggioranza che di minoranza. "Comunichiamo con piacere - ha detto qualche consigliere - che il Consiglio Comunale, nell'ultima seduta, quella dell'11 novembre, ha compreso l'importanza di questa figura del consigliere aggiunto". Il fenomeno dell'immigrazione si governa concordando obiettivi validi per una società multiculturale e multietnica.
    L'Italia non si trova all'anno zero per quanto riguarda la riflessione sull'immigrazione e la pratica dell'intercultura e grazie anche agli spazi a essa riservati nelle leggi nazionali e in quelle regionali e nella sperimentazione concreta dall'inizio degli anni '90, è andata interrogandosi sul rispetto delle diversità degli immigrati e sul loro raccordo all'interno della società. Si è pensato a una mediazione reciproca che coinvolga italiani e stranieri e si estenda dal contrasto delle discriminazioni e degli atti di xenofobia e di razzismo attraverso l'utilizzo di mediatori culturali e, all'interno dei Comuni, dei cosiddetti consiglieri aggiunti, che possono fare da ponte fra le culture di appartenenza e la nostra cultura.
    Il futuro dell'Italia è legato all'immigrazione, anche per le ragioni demografiche, e, pur se per ipotesi, si potessero chiudere tutti i varchi d'ingresso, tra dieci anni avremmo tra noi più di mezzo milione di nuovi nati da genitori stranieri che già si trovano in Italia.
    Questo dato quantitativo è connesso con un'esigenza qualitativa che ci sollecita a restare attaccati ai valori di cui gli immigrati sono portatori, in un rapporto di reciproco scambio. Una convivenza pacifica che raggruppi italiani e stranieri attorno all'obiettivo del comune progresso è una necessità; una società divisa al suo interno lascerebbe infatti poche speranze per il futuro".



    Fonte: Ufficio Stampa Provincia di Frosinone

In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi