PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Notizie Principali | News | Sociale, Di Liegro: "2,8 mln per formazione assistenti familiari"  
  • Sociale, Di Liegro: "2,8 mln per formazione assistenti familiari"
    21/01/10 - Su proposta dell'assessore Luigina Di Liegro, la Giunta della Regione Lazio ha approvato oggi una delibera che stanzia 2,8 milioni di euro per progetti sperimentali e interventi per la riqualificazione del lavoro delle assistenti familiari.




    Le risorse finanziarie saranno ripartite tra il Comune di Roma e i Comuni o enti capofila di distretto, in base al numero delle persone anziane e dei disabili residenti. Il fondo permetterà di finanziare corsi di formazione della durata di 120 ore o di 180 ore destinati a donne e uomini disoccupati, italiani o immigrati (in regola con le norme in materia di immigrazione), residenti o domiciliati nella Regione Lazio.

    La frequenza ai corsi, per un ammontare complessivo di 300 ore, permetterà anche di acquisire la qualifica professionale di 'assistente familiare'.
    Inoltre, la delibera prevede l'istituzione presso ciascun comune capofila di distretto, di un elenco delle assistenti familiari con specifico attestato delle persone qualificate al quale potranno accedere i cittadini. Nel 2009 con uno stanziamento di pari entità è stato possibile finanziare un totale di 93 progetti tra formativi e non formativi volti a qualificare il lavoro di cura e di sostegno familiare dell'assistenza familiare privata a domicilio, con particolare riguardo all'attività in favore delle persone non autosufficienti.
    "La delibera approvata oggi - dichiara l'assessore alle Politiche sociali e delle sicurezze della Regione Lazio Luigina Di Liegro - è un segno di attenzione importante per far fronte ai bisogni delle persone anziane e dei disabili non autosufficienti. Bisogni che stanno assumendo una dimensione tale da rendere indispensabile una risposta pubblica qualificata che dia sostegno alle famiglie che, quotidianamente, si trovano a fronteggiare i problemi legati alla presenza di una persona anziana o disabile all'interno del nucleo familiare. Lo scopo di questi corsi è quello di qualificare il lavoro degli assistenti, per favorire la permanenza delle persone non autosufficienti nel proprio domicilio e con la propria famiglia, ma anche facilitare l'emersione di rapporti di lavoro domestico non contrattualizzati, attraverso agevolazioni sugli oneri fiscali e previdenziali. Spesso, infatti, a far fronte all'esigenza di assistenza sono proprio donne immigrate e italiane, le badanti, che svolgono un'opera preziosa per i nostri anziani, ma verso le quali occorre attivare un'azione di qualificazione, anche nella prospettiva della sicurezza del servizio alla salute.
    Anche l'istituzione degli elenchi in ogni distretto è un'iniziativa volta proprio a fornire ai cittadini personale con competenze specifiche e certificate".

     

    FONTE: UFFICIO STAMPA REGIONE LAZIO

In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi