PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Notizie Principali | News | Lazio, servizi sociali. Censis: utenti in aumento (+10%), offerta disomogenea   
  • Lazio, servizi sociali. Censis: utenti in aumento (+10%), offerta disomogenea

    Sono oltre 270 mila gli utenti delle strutture e dei servizi del Lazio, aumentati di oltre 25 mila unita' (+10%) rispetto al 2007. Di questi, oltre 184 mila sono anziani (il 68% del totale degli utenti) e piu' di 78 mila sono minori.



     

    E' quanto emerge dal secondo Rapporto sui servizi sociali del Lazio, presentato in Regione dal presidente, Renata Polverini, dall'assessore alle Politiche sociali, Aldo Forte, e dal presidente del Censis, Giuseppe De Rita. L'indagine e' stata realizzata sulla base dei dati prodotti dal Sistema informativo dei servizi sociali del Lazio (Siss) e fotografa in maniera dettagliata lo stato dei servizi e delle strutture socio-assistenziali del Lazio al 31 dicembre 2009.

    L'offerta socio-assistenziale e' fatta di 2.846 unita', cresciute di oltre il 16% rispetto al 2007, ma la loro ricettivita' e' aumentata del 12,4%. Dall'indagine si evince, poi, che quasi il 43% delle strutture del Lazio dichiara di non avere potuto ospitare persone che rientravano nella propria tipologia di utenza: quasi il 42% nel Comune di Roma, quasi il 51% a Frosinone, quasi il 56% a Rieti, il 40% a Latina, il 42,2% in Provincia di Roma ed il 25,6% a Viterbo. Nelle case di riposo per anziani ci sono oltre 7 mila ospiti (+6% rispetto al 2007).

    Attualmente i tassi di copertura di strutture e servizi (rapporto tra posti disponibili e utenza potenziale) sono diversificati nella regione; si passa infatti da una copertura particolarmente elevata nelle province dell'Alto Lazio, come Viterbo (pari a 48,7 posti per 1.000 abitanti) e, soprattutto Rieti (pari a 52,2 posti), a tassi di copertura meno elevati nella provincia di Frosinone (31,8 per 1.000 abitanti), nel Comune di Roma (30 per mille abitanti) e, soprattutto, nelle altre province, come Latina (con 23,7 posti) e Roma (con 29,2 posti).

    Per gli asili nido si va da un tasso di 295 posti disponibili per 1.000 minori nel Comune di Roma a 84,4 per 1.000 nei distretti di Rieti, passando per 149,1 per 1.000 a Latina, 158 per 1.000 a Viterbo, 127,5 per 1.000 in provincia di Roma, 98,4 per 1.000 a Frosinone. Per gli anziani, e' in provincia di Rieti che si registra il piu' alto tasso di copertura della rete di offerta (pari a 187,4 per 1.000). E sono 2.858 gli adulti con disabilita' che hanno usufruito delle strutture e dei servizi (+1,5% rispetto al 2007), oltre 830 gli utenti dei servizi per persone affette da patologie invalidanti come l'Alzheimer e il Parkinson (+5,6%), oltre 600 le donne ospitate nelle strutture per donne in difficolta' (+11,2% rispetto al 2007).

    Nel rapporto, poi, sono specificati anche i disagi piu' diffusi: il conflitto nelle famiglie (61,7%), la droga e l'alcolismo (38%) e il disagio economico (37,3%). Di fronte a disagi sociali in crescita e' forte l'impegno delle famiglie. In caso di inadeguatezza dell'offerta pubblica e' la famiglia a dare copertura: per il 90% degli operatori intervistati e' cosi' per le esigenze degli anziani (i familiari pagano di tasca propria badanti o strutture private), per l'80% sono i parenti a dare direttamente assistenza ai disabili, per il 69% nel caso dei minori e' sempre la famiglia a farsi carico dei bisogni.

In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi