PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Notizie Principali | News | Il Fattore Famiglia presentato al Cnel. Forum: “Occorrono interventi di sostegno. La famiglia è risorsa insostituibile”  
  • Il Fattore Famiglia presentato al Cnel. Forum: “Occorrono interventi di sostegno. La famiglia è risorsa insostituibile”

    Il Forum delle associazioni familiari ha presentato al Cnel, il 15 marzo scorso, una proposta di riforma fiscale basata sul “Fattore Famiglia”, ossia su una deduzione dal reddito commisurata al numero dei componenti a carico



    Mettere la famiglia al primo posto dell’agenda politica e introdurre il Fattore Famiglia, cioè una “tassazione più equa per le famiglie con figli”, alla riforma fiscale. Sono queste le richieste che il Forum delle associazioni familiari ha mosso alle Istituzioni in occasione dell’incontro “Un fisco family friendly: il Fattore Famiglia alla prova”, svoltosi il 15 marzo scorso nella sede del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro. “Il Fattore Famiglia costerebbe allo Stato 15-17 miliardi, un punto percentuale del Pil – ha spiegato il Presidente del Forum, Francesco Belletti – ma non obbligatoriamente deve essere fatto in un anno, il meccanismo può essere anche pluriennale. L’investimento sulle famiglie metterebbe in moto l’economia, perché attraverso la famiglia si rilancia il Paese”. Il Fattore Famiglia individua un no tax area, all’interno della quale l’aliquota è pari a zero. Si stabilisce il costo del mantenimento e accrescimento di ciascun componente del nucleo familiare e poi, al costo di mantenimento del percettore di reddito, si sommano i contributi di tutti i familiari a carico. Superata la no tax area si applicano aliquote progressive.
    "Si dovrebbe inserire il tema del Fattore Famiglia dentro la riforma fiscale, perché si riconosca che la famiglia ha un ruolo decisivo non solo dal punto di vista sociale ma anche dello sviluppo economico". È la richiesta arrivata poi dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il quale ha spiegato che "bisogna favorire il passaggio dal quoziente familiare al Fattore Famiglia: è una misura più facilmente realizzabile". Secondo Alemanno, "la politica dei redditi e quella familiare sono la stessa cosa, non sono due realtà distinte". E quindi una riforma fiscale a favore delle famiglie "è la base persostenere i consumi interni e lo sviluppo economico: bisogna farla ora, proprio nella fase in cui è anche in atto il federalismo fiscale".
    Concludendo, il sindaco di Roma ha sottolineato che un riequilibrio della pressione fiscale "si può fare anche a invarianza di gettito, privilegiando la famiglia rispetto ad alte forme di imposizione".
In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi