PROVINCE
Associazioni e servizi
patronato banner
facebook

bvenecomune

bvenecomune

bvenecomune
Home | Eventi | Eventi | FROSINONE: PROGETTO PER INTEGRAZIONE ANZIANI  
  • FROSINONE: PROGETTO PER INTEGRAZIONE ANZIANI


    Al via l'iniziativa "Herit-age: percorsi di cittadinanza attiva" Il presidente delle Acli del Lazio, UMBERTO SOLDATELLI, presenta in una sinergia di sistema (Enaip Fr - Fap Lazio) il “Progetto Herit-age: percorsi di cittadinanza attiva”, per la promozione della cittadinanza attiva e della solidarietà intergenerazionale. L’iniziativa è promossa dalle ACLI del Lazio in collaborazione con le ACLI di Frosinone, l’ENAIP Impresa Sociale Srl e la FAP ACLI del Lazio. Il progetto, finanziato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è rivolto a giovani ed anziani del frusinate, sarà articolato in diverse attività e si pone l’obiettivo di stimolare una riflessione in materia di cittadinanza attiva e di confronto intergenerazionale. Fra le attività previste dal progetto ci sarà un percorso di formazione che fornirà ad anziani e a giovani degli ultimi anni delle superiori o i primi dell’università le conoscenze e le competenze per diventare operatori volontari di “Telefono Amico”, servizio che sarà attivato dalle ACLI di Frosinone in collaborazione con la ASL di Frosinone per rispondere alle esigenze del dei cittadini. Saranno poi realizzati 6 percorsi laboratoriali di formazione per anziani in materia di alfabetizzazione informativa (2 edizioni), lingua inglese di livello base (2 edizioni), fotografia e pittura; durante questi laboratori alcuni ragazzi delle scuole coinvolte affiancheranno i docenti nell’insegnamento delle materie in oggetto. Verranno effettuate almeno 2 gite culturali, rivolte sia agli anziani destinatari diretti del progetto che agli utenti del “Telefono Amico”. Infine, ci sarà la realizzazione di 3 incontri seminariali in materia di cittadinanza attiva, invecchiamento e salute, corretta alimentazione. “Il nostro progetto – spiega Umberto Soldatelli, presidente delle Acli del Lazio – mira a rendere gli anziani nuovamente protagonisti del tessuto sociale. Crediamo fortemente che la loro esperienza possa essere d’insegnamento per i giovani e che il loro impiego in attività pratiche sia la giusta soluzione per allontanarli dalla solitudine nella quale sempre più spesso riversano”. “L’utilizzo del computer, così come la lingua inglese, - conclude Soldatelli – sono conoscenze fondamentali imprescindibili per tutte le età. I corsi Acli Lazio forniranno agli anziani i giusti strumenti per integrarsi maggiormente nella società odierna nel tentativo di colmare in parte il gap inter generazionale che spesso non permette loro di avere nemmeno un dialogo con gli stessi nipoti”.
In Primo Piano | Eventi | Progetti | Bandi